<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1013288138703025&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Pop up personalizzati per ecommerce

Personalizzare un pop up è fondamentale per aumentare le conversioni. Tuttavia, per essere certi che le interazioni on site funzionino è determinante segmentare l’audience e azionare specifiche tattiche per ciascun profilo di utente (se non sai come, ne parliamo qui).


L'utilizzo di pop up o "offetti overlayer" non è solo una scelta di comunicazione. Ci sono dei momenti specifici in cui l'interazione del sito con l'utente in modalità push è uno strumento indispensabile per condurre la navigazione a un determinato obiettivo. Gli utenti stessi,  se i pop up sono utili e contestuali a quello che stanno facendo - vale a dire vantaggiosi - li gradiscono, il più delle volte cliccandoli. Lo stile e il design di questo tipo di interazioni è totalmente customizzabile e può essere gestito in modo più o meno discreto a seconda del brand, dell'obiettivo di comunicazione e di conversione che si vuole ottenere.

Una piattaforma di marketing automation come Adabra è in grado di riconoscere il consumatore e costruire dei messaggi personalizzati che lo accompagnino in tutta la sessione di navigazione. L'importante è aver stabilito correttamente a chi, cosa e come si desidera comunicare. La parte di A/B testing ottimizza la scelta sul messaggio più efficiente.

Vuoi aumentare lo scontrino medio proponendo all’utente specifiche offerte?

Vuoi evitare che le persone abbandonino il sito o i prodotti nel carrello?

Scopri 5 esempi di pop up personalizzati realizzabili con Adabra!

#1 Primo acquisto: vantaggio esclusivo per l’utente nuovo

Un utente che naviga e non converte, va certamente incentivato. Per questo tipicamente si stabilisce una tattica di acquisizione aggressiva, basata su un’offerta sul primo acquisto senza limiti di spesa.

Questo è il pop up di Bellissima.com per tutti gli utenti che non si sono ancora registrati.

 

Pop Up Bellissima.png

#2 Abbandono del carrello: incentivi immediati prima di uscire dal sito

Siamo abituati a pensare al recupero del carrello come a una tattica da azionare solo ed esclusivamente via email dopo 24 ore. Tuttavia, esistono diversi tipi di contenuti pop up che possono essere utilizzati, così da intervenire prima. Per esempio si possono creare messaggi che indicano un vantaggio esclusivo, prima che l’utente abbandoni la navigazione (tipicamente dopo che ha sostato per troppo tempo in una pagina e non ha cliccato). Su Adabra, per esempio è possibile segmentare l’offerta sulla base della tipologia di carrello che l’utente sta per abbandonare (per esempio un offerta legata al tipo di brand, oppure alla bassa o alta marginalità). In alternativa è possibile progettare pop up di recap dei prodotti lasciati nel carrello, azionabili dopo un certo tempo di latenza e la mancata conversione.

#3 Incremento dello scontrino medio (AOV): vantaggi per segmenti specifici

Portare l’utente ad aumentare il valore dello scontrino medio può essere un obiettivo, specialmente per utenti ad alto valore, quelli che in Adabra vengono classificati come hero (che acquistano spesso e per importi sopra la media). Per questa tipologia di clienti si possono creare pop up che incentivino l’abbonamento oppure evidenziare l’abbattimento dei costi di spedizione oltre una certa soglia. Questo è un pop up che propone uno sconto tangibile su una certa soglia di acquisto e che naturalmente è destinato solo a persone con un carrello vicino a quella cifra.

ScreenHunter 137.png

# 4 Registrazione alla newsletter: vantaggi per i sottoscrittori

Se l’utente non è pronto per acquistare, è comunque utile acquisire i suoi dati per un processo di nurturing. In questo pop up di MyBeautik propone un coupon di 5 euro da utilizzare in qualunque momento a fronte della sottoscrizione. In alternativa potrebbe bastare elencare tutti i buoni motivi per iscriversi, tra cui l’accesso a offerte dedicate. Nel caso di My Beautik è interessante l’animazione laterale e non centrale, dove per il design è stata fatta una scelta più innovativa. In generale per la scelta di come e dove posizionare un pop up è fondamentale condurre degli A/B test eventualmente differenziati per segmento.

 

sottoscrizione newsletter MyBeautik.png

#5 CRO: proposta di prodotti correlati

Se l’utente sta navigando da molto tempo e non converte è fondamentale supportarlo. Per questo è possibile ideare dei pop up o behavioral messages che propongano dei prodotti correlati alla sua navigazione o al suo storico. Non solo, l’intelligenza artificiale di Adabra può lavorare anche su algoritmi basati sulla similirità e quindi gestire uno spazio sugli acquisti fatti da utenti con comportamenti analoghi. Se vuoi scoprire di più sulla product recommendation di Adabra ne parliamo qui.

Quindi?


Adabra è una soluzione completa perché ti consente di realizzare la tua strategia, proprio a partire dalla segmentazione. Pop up come questi non possono essere proposti a tutti: bisogna saper scegliere quale tattica è premiante per singolo obiettivo e tipologia di utente, in base al proprio modello di business. Una volta definita la strategia commerciale la marketing automation basata su intelligenza artificiale pensa a tutto il resto: definizione del trigger, tipologia di canale e contenuto.

Sei pronto a scoprire tutte le opportunità che ti riserva la marketing automation?

Se vuoi creare pop up personalizzati grazie all’intelligenza artificiale richiedi una demo di Adabra!

 

ebook-marketing-automation

Tags: ecommerce, personalizzazione, pop up